La scrittura come arma contro l’esilio. I casi di Marina Cvetaeva e Agota Kristof - Archive ouverte HAL Access content directly
Conference Papers Year : 2020

La scrittura come arma contro l’esilio. I casi di Marina Cvetaeva e Agota Kristof

(1)
1
Massimo de Giusti
  • Function : Author
  • PersonId : 1101440

Abstract

Il nostro studio si propone di analizzare il rapporto fra femmi- nilità ed identità artistica all’interno della letteratura migrante francofona del XX secolo. A tal fine, confronteremo le poetiche di Marina Cvetaeva e Agota Kristof, due artiste per le quali l’esilio deter- minò una metamorfosi tanto umana quanto letteraria. L’abbandono della patria e l’isolamento socio–culturale vissuto all’estero le spinsero infatti a riconsiderare loro stesse sia in quanto donne che in quanto artiste. Da un lato esse elessero la femminilità a emblema della loro diversità — umana, na- zionale, come artistica —, e dall’altro tramutarono la scrittura in un mezzo per ridefinire la propria identità e resistere all’alienazione nella quale erano confinate.
Not file

Dates and versions

hal-03253265 , version 1 (27-11-2021)

Identifiers

Cite

Massimo de Giusti. La scrittura come arma contro l’esilio. I casi di Marina Cvetaeva e Agota Kristof: I casi di Marina Cvetaeva e Agota Kristof. Scrivere in/il confino. Scritture femminili del Novecento Europeo, Rosanna Gangemi, Sep 2017, Messine, Italy. ⟨10.4399/978882550587026⟩. ⟨hal-03253265⟩
30 View
0 Download

Altmetric

Share

Gmail Facebook Twitter LinkedIn More